Dramma Dieter Brummer, l’attore è morto a soli 46 anni

0
305

Il dramma di Dieter Brummer, l’attore è morto a soli 46 anni: chi era e che ruoli importanti ha avuto nella sua carriera.

(Lisa Maree Williams/Getty Images)

L’attore australiano Dieter Brummer, meglio conosciuto per il suo ruolo di Shane Parrish nella soap televisiva Home And Away tra il 1992 e il 1996, è morto all’età di 45 anni. Brummer è stato trovato morto in una casa a Sydney sabato dalla polizia del New South Wales che ha risposto a una chiamata di soccorso. Non sembrano esserci dubbi sulla morte per cause naturali.

Ti potrebbe interessare–> Libero De Rienzo, cosa è successo all’attore: la morte è un giallo

In una dichiarazione di queste ore, la famiglia di Brummer ha dichiarato: “Abbiamo perso il nostro bello, talentuoso, divertente, complicato e amato Dieter. Ha lasciato un enorme buco nelle nostre vite e il nostro mondo non sarà più lo stesso”. La nota prosegue con queste parole: “Il nostro pensiero va a tutti voi che lo avete conosciuto, amato o lavorato con lui nel corso degli anni”.

Ti potrebbe interessare–> Il giovane attore Daniel Mickelson è morto a 23 anni

La morte di Dieter Brummer: addio al talentuoso attore

“Dieter era un membro del cast di Home and Away molto amato e celebrato dal pubblico australiano e internazionale”, si legge in una nota di The Seven Network, che ha prodotto la nota soap opera. Brummer si è unito al cast di Home and Away all’età di 15 anni ed è diventato uno dei preferiti dai fan – incoronato attore più popolare ai Logie TV Awards australiani per due anni consecutivi nel 1995 e nel 1996. Brummer ha lasciato la soap di lunga data quando il suo personaggio è scomparso dalla sceneggiatura, dopo essere morto di setticemia nel 1996.

Ha anche recitato successivamente in altri importanti ruoli, fino a una svolta davvero imprevista nella sua vita. Negli anni successivi, infatti, Dieter Brummer ha rivelato di aver intrapreso una carriera come lavavetri in un grattacielo dopo aver lasciato casa e trasferito la sua vita fuori e lontano dai riflettori. Ha raccontato anni fa in un’intervista: “Per quanto fosse bello recitare, volevo dimostrare a me stesso che potevo sporcarmi le mani e sudare per un dollaro nello stesso modo in cui stavo in piedi sul set, essere agghindato e pavoneggiarsi”. Tanti i messaggi di cordoglio per la sua morte.