Sciabola, la nazionale di Montano è argento contro la Corea del Sud

0
173

Ancora una medaglia olimpica a Tokyo 2021, arriva dalla sciabola: la nazionale di Montano è argento contro la Corea del Sud.

(Patrick Smith/Getty Images)

Troppa Corea del Sud e un punteggio eccessivamente punitivo per l’Italia di Aldo Montano nella sciabola a squadre: il campione azzurro – noto anche per i suoi trascorsi nel mondo dello spettacolo e la lunga love story con Manuela Arcuri – era alla sua quinta Olimpiade. Non solo: sognava l’oro ben 17 anni dopo Atene e a 43 anni suonati. Invece i suoi sogni si sono infranti contro le sciabole coreane.

—>>> Leggi anche Aldo Montano nella storia: quinta Olimpiade e caccia all’oro

Sta di fatto che per lui comunque il curriculum è di tutto rispetto: con l’argento di oggi, sono cinque le medaglie olimpiche. Un oro ad Atene nell’individuale, due argenti nel 2004 e oggi e altrettanti bronzi. Oggi partiva come riserva e si è invece guadagnato un posto nelle sfide che contavano. Fondamentale il contributo in semifinale con l’Ungheria.

—>>> Leggi anche Irma Testa: chi è la prima medaglia olimpica della boxe femminile

Troppa Corea del Sud per l’Italia di Montano: “solo” argento nella sciabola

I colpi messi a segno da Aldo Montano, infatti, sono decisivi in una semifinale thrilling, finita 45 a 43 per gli azzurri. Eliminata l’Ungheria, ci si aspettava un’altra grande impresa contro la Corea del Sud. Ma i sudcoreani sono stati davvero troppo per i nostri ragazzi e hanno di fatto vinto tutti e nove gli assalti (uno solo quello pareggiato per cinque a cinque). Hanno infatti preso subito il largo e poi hanno chiuso 45-26.

Per Aldo Montano, in ogni caso, una grandissima soddisfazione, così come per i ragazzi che affiancava: l’Italia della sciabola, dopo aver vinto l’argento con Luigi Samele contro l’imbattibile magiato Áron Szilágyi, raddoppia. Infatti è argento anche a squadre. Nella giornata che segna probabilmente l’addio all’attività agonistica di Federica Pellegrini, comunque settima in finale, arriva anche un altro addio. Saluta Aldo Montano e lo fa con un’incredibile, storica medaglia.