Taranto, sospesa la Direttrice del carcere: avrebbe favorito un boss

0
103

E’ stata sospesa la Direttrice del carcere di Taranto, Stefania Baldassarri: avrebbe favorito il boss Michele Cicala. “Impugnerò il provvedimento

(Screen video)

Il sistema penitenziario italiano di nuovo al centro dell’attenzione mediatica: la Direttrice della Casa circondariale di Taranto, Stefania Baldassarri, è stata sospesa dalle sue funzioni: avrebbe favorito un detenuto indagato per mafia. Il provvedimento è stato adottato dal Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Bernardo Petralia, sulla base di un’informativa della Dda della Procura della Repubblica di Lecce, secondo cui la Direttrice sarebbe stata coinvolta in condotte irregolari nell’interesse di un ex detenuto, Michele Cicala, indagato per reato connesso al 416 bis, associazione a delinquere di stampo mafioso. Cicala attualmente è ristretto ai domiciliari dopo che il Tribunale del Riesame di Lecce ha fatto cadere nei suoi confronti l’accusa di associazione mafiosa: su questo punto, però, la Procura di Lecce ha inoltrato il ricorso per Cassazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Usa, aumentano i contagi: mascherina anche per i vaccinati

In particolare, alla Direttrice si contesta di essersi presentata in almeno due occasioni, secondo quanto si legge nell’informativa della Guardia di Finanza, in un bar, sottoposto a sequestro, gestito dai familiari di Michele Cicala. Baldassarri avrebbe dato alla moglie di Cicala notizie sul marito assicurandola circa le sue condizioni di salute, dicendogli che stava bene, e invitandola a chiamarlo per “esprimergli conforto“. Nel rapporto degli investigatori delle Fiamme Giallle si parla di “singolare e di particolare premura l’attenzione riservata dalla Direttrice della Casa Circondariale di Taranto verso il detenuto Michele Cicala“.

Taranto, sospesa la Direttrice del carcere: avrebbe favorito un boss. “Impugnerò il provvedimento”

“Mi è stato chiesto se potevo portare i loro saluti, ho detto loro che il Direttore non può occuparsi di portare i saluti a tutti i detenuti perché altrimenti non farebbe altro”: così Stefania Baldassarri, intervistata dal Tg3 Puglia, ha replicato all’accusa di aver favorito un ex detenuto (ora confinato ai domiciliari) indagato per associazione a delinquere di stampo mafioso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Green pass, un’app contro quelli fasulli: come funziona

Baldassarri ha poi annunciato che provvederà “a impugnare quanto prima” il provvedimento di sospensione del Dap; poi ha precisato di non aver “ricevuto alcuna informativa da parte della Dda di Lecce” e di non essere “pertanto né indagata né coinvolta in alcuna vicenda penalmente rilevante“.