Torino, canalina si stacca dal cavalcavia in tangenziale: traffico in tilt

0
153

Lunghe code e pesanti disagi per gli automobilisti in transito sulla tangenziale di Torino: nei pressi dello svincolo di Vadò una canalina si è staccata dal cavalcavia ed è finita sulla carreggiata.

torino, canalina si stacca in tangenziale
Credit: Justin Sullivan/Getty Images

Paura e confusione nelle prime ore della mattina di oggi, mercoledì 4 agosto, sulla tangenziale sud di Torino, dove all’altezza dello svincolo di Vadò una grossa canalina contenente cavi elettrici, forse di fibra ottica, si è staccata dal cavalcavia finendo sulla carreggiata. A segnalare subito l’accaduto, intorno alle 7, sono stati alcuni automobilisti in transito preoccupati per un eventuale crollo del ponte: fortunatamente nessun veicolo è stato colpito e non si registrano feriti.

Ti potrebbe interessare anche -> Rovigo, muore a 23 anni in un incidente stradale Francesco Ferrari

Torino, traffico in tilt sulla tangenziale dopo l’incidente della canalina

Dopo l’allarme, sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco, gli agenti della polizia stradale di Torino e i tecnici dell’Ativa. Secondo quanto reso noto da TorinoOggi.it, prima del loro arrivo un camionista si sarebbe messo di traverso sulla carreggiata per fermare il transito, al fine di evitare che qualche veicolo andasse a sbattere contro la canalina che si era staccata. Le operazioni per rimuovere l’ostacolo e verificare le condizioni e lo stato di sicurezza del cavalcavia sono state prontamente avviate e sono durate per diverse ore.

Ti potrebbe interessare anche -> Francesco Pantaleo, i dubbi sul suicidio: qualcosa non torna

Come conseguenza, a causa dell’intervento sul tratto della tangenziale interessato dall’incidente, il traffico è rimasto paralizzato a lungo comportando pesanti disagi nei pressi dello svincolo di Vadò. Chi viaggiava in direzione Nord Milano-Aosta aveva l’obbligo di uscita con rientro a San Paolo e immissione da Bauducchi, e lo stesso svincolo è rimasto chiuso anche in entrata. Lunghe code si sono formate anche nelle strade limitrofe: la zona del 45° Nord è rimasta intasata dalle automobili e dai camion alla ricerca di un percorso alternativo.