Giulia Terzi e Stefano Raimondi fidanzati: la coppia del nuoto paralimpico

0
574

I due nuotatori medaglie a Tokio 2021, Giulia Terzi e Stefano Raimondi, sono fidanzati: la coppia del nuoto paralimpico.

Stefano Raimondi e Giulia Terzi (Getty Images)

Undici medaglie in appena due giorni, quattro sono d’oro, il metallo più pregiato, altrettante le medaglie d’argento e tre quelle di bronzo. La squadra dei nuotatori azzurri alle Paralimpiadi di Tokyo, le cui gare sono iniziate ieri, è senza dubbio un Dream Team, che sta appassionando gli sportivi italiani. Esordiente a queste Olimpiadi e subito vincente alla prima gara che conta è Stefano Raimondi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Federico Morlacchi, la fidanzata Francesca: presto papà di Tommaso

Il ragazzo di Soave, in provincia di Verona, ha visto la sua vita cambiare drasticamente dopo un incidente avvenuto mentre era in sella al suo scooter. A causa del drammatico sinistro, ha subito una lesione della gamba sinistra. Dal 2018, appena ventenne, ha praticamente vinto tutto nelle categorie in cui gareggia. Ha esordito con tre ori, due argenti e tre bronzi agli Europei di Dublino 2018.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Giulia Terzi, chi è la nuotatrice paralimpica azzurra da record

La favola d’amore tra i due nuotatori paralimpici Giulia Terzi e Stefano Raimondi

Stefano Raimondi si è ripetuto poi ai mondiali di Londra di due anni fa e ai recenti Europei di Funchal: era dunque uno dei favoriti per la vittoria di una medaglia paralimpica e non ha deluso le aspettative oggi. Ha vinto l’oro dei 100 rana di nuoto categoria Sb9 e non ha trattenuto l’emozione. Lo abbiamo visto gioire e piangere, poi qualche minuto dopo, ha confessato di essere innamorato, ai microfoni di Raisport. La favola d’amore è di quelle che emozionano. Infatti, Stefano Raimondi condivide un rapporto d’amore molto intenso con la nuotatrice Giulia Terzi.

Anche lei esordiente alle Paralimpiadi, la ragazza da quando ha 4 anni si è vista diagnosticata una scogliosi congenita, che la costringe sulla sedia a rotelle. Milanese di nascita, classe 1995, anche lei non si è persa d’animo e nel 2019 ha esordito a livello internazionale, ai Mondiali di Londra: ha vinto un argento, nella staffetta 4×50 misti 20 punti, e due bronzi individuali. Come ogni favola che si rispetti, è scesa in vasca dopo la vittoria di Stefano Raimondi, con la staffetta 4×50 stile libero 20 punti, e si è presa anche lei la sua medaglia: un argento.