Stealthing, togliere il preservativo di nascosto può diventare un reato

0
141

Stealthing, la pratica di togliere il preservativo senza dirlo al partner potrebbe essere perseguito per legge: la proposta

Getty Images

La pratica del stealthing sembra essere molto più diffusa di quel che si pensa. Togliere il preservativo durante il rapporto sessuale senza il consenso del partner potrebbe diventare un reato perseguibile civilmente nello Stato della California. La proposta di legge è arrivata a firma della deputata democratica Cristina Garcia ed ora è al vaglio del governatore Gavin Newsom.

Nel caso diventasse legge, rientrerebbe nei reati di aggressione sessuale e sarebbe la prima volta al mondo che una pratica del genere sarebbe considerata reato. La Garcia, infatti, è da anni impegnata in battaglie che riguardano la violenza sessuale ed è quindi particolarmente sensibile al tema.

La proposta della Garcia è ora sulla scrivania del governatore e potrebbe diventare realtà dopo l’approvazione da parte della Camera e del Senato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il Vescovo si dimette per amore di una scrittrice di romanzi erotico-satanici

Stealthing, è la seconda volta che la California tenta di approvare la legge

Nell’annunciare su Twitter che la proposta di legge è al vaglio di Newsom, la Garcia ha voluto sottolineare che togliere il preservativo senza il consenso dell’altra persona “non è solo immorale, ma illegale“.

Non è la prima volta che la deputata mette sotto l’interesse dell’opinione pubblica la pratica dello stealthing. Ci aveva provato già nel 2017 con una proposta ancora più aspra, rendendo il fatto un reato di natura penale ma la proposta non trovò l’approvazione.

Dopo quattro anni la deputata ha avuto un atteggiamento diverso, ascoltando le critiche della proposta del 2017. Allora in molti avevano storto il naso davanti al fatto che l’eventuale reato dovesse essere considerato penale perché difficilmente provabile l’intenzione o la casualità del fatto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Instagram: arriva un’importante e attesa novità per l’app

Dopo lo studio del Washington Post che con le interviste di uomini e donne ha dimostrato quando sia diffusa la pratica, l’approccio diverso della legge può forse portare al buono esito della proposta.