Met Gala 2021, lo sfoggio della moda a temi americani

0
89

Met Gala 2021, dopo un anno di pausa causa pandemia, ha riproposto abiti vistosi con messaggi sociali e politici

Met Gala 2021
Rihanna al Met Gala 2021 (Getty Images)

Un festival di colori e creatività. Al Met Gala 2021 il tema è stato American Indipendent e sul red carpet ci sono stati i migliori designer americani da Oscar de la Renta a Michael Kors. Non sono mancate le altre case straniere come Gucci, Luis Vuitton e Saint Laurent che hanno reso omaggio agli USA.

Abiti vistosi e ricchi di particolari, una sorta di barocco dell’abbigliamento come l’abito di Billie Eilish più simile a quello di un ballo alla corte del re o di Kim Kardashian, definito dagli esperti enigmatico.

Questa edizione del Met Gala era particolarmente attesa dopo il rinvio dell’ultima causa Covid e lo era anche Rihanna che non ha tradito le aspettative e si è presentata di nuovo con un abito eccentrico che non passa inosservata con un Balenciaga molto voluminoso e anch’esso con un sapore regale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> GF Vip 6, subito scontro tra Raffaella Fico e Soleil Sorge: il motivo – VIDEO

Met Gala 2021, Amanda Gorman ‘Statua della Libertà’

Amanda Gorman (Getty Images)

Forse la vera regina della serata è stata Billie Eilish che ha indossato un capo ispirato a Marylin Monroe in tulle rosa pesca con un lungo strascico. Ha fatto rivivere tempi passati delle storia americana anche Gigi Hadid con un Prada che trova invece ispirazione da Jackie Kennedy.

Non è una novità usare la moda e i capi d’abbigliamento per lanciare messaggi sociali e politici e anche questa volta è stato così, sfruttando i riflettori dei media. Kim Kardashian quasi non si riconosce: ha una tutina con strascico e passamontagna di Balenciaga che rimanda all’anonimato mentre la poetessa americana Amanda Gorman opta per un abito blu elettrico Vera Wang con una pochette che sembra più un libro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Olga Plachina, chi è la moglie di Aldo Montano: cosa sappiamo

Ovviamente questo particolare fa pensare alla Statua della Libertà, all’inclusione e all’ospitalità, essendo storicamente il primo monumento visto da milioni di immigrati in America ad inizio secolo, quando approdavano sul suolo americano in nave.