Carlotta, la figlia di Gigi Proietti e la sua eredità: “Non ho rimpianti, ma…”

Carlotta con la sorella Susanna portano avanti il lavoro del padre Gigi ma hanno bisogno di qualcosa in particolare

Oggi ricorre il primo anniversario dalla scomparsa di Gigi Proietti e sarebbe stato anche il suo 81enimo compleanno. Carlotta e Susanna sono le figlie che dal grande mattatore romano hanno ereditato la passione per la recitazione ma che a dodici mesi di distanza dal triste evento devono anche fare i conti con la sua mancanza.

gigi proietti
Gigi Proietti con la figlia Carlotta (foto Facebook)

Un dolore ancora vivo e che non è solo personale. Come disse proprio Carlotta il giorno dopo, è di più persone, il suo pubblico, con l’affetto dimostrato in quei giorni dai più semplici estimatori ai più grandi colleghi. Qualche giorno fa in un’intervista a la Repubblica, Carlotta Proietti ha detto che il padre “non è facilmente riassumibile” e che quando si parla di lui in modo inevitabile sfuggono aspetti e “approfondimenti del suo infinito lavoro di decenni“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gigi Proietti, l’allegro ricordo di Montesano: “Che mandrakata” – VIDEO

Carlotta Proietti ricorda il padre Gigi

L’eredità morale e caratteriale lasciata dal padre però non basta. Proprio per portare avanti la sua grande passione, il lavoro che nel corso degli anni Carlotta ha condiviso insieme alla sorella Susanna e al cugino Raffaele, “servirebbe pure una casa teatrale, uno spazio da gestire“.

foto Facebook

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Carlotta e Susanna Proietti: papà Gigi a casa era come sul palcoscenico

Continuando a parlare del padre ha detto che era una persona umile ma allo stesso momento “complessa e semplice“. Lo definisce “un artigiano” e prova a difendersi da tentativi di riduzione tipiche delle classificazioni. Infine la donna dice di non avere rimpianti: “Sono stata privilegiata, ho sempre avuto un rapporto amorevole, aperto. Soprattutto da quando l’ho affiancato nel lavoro”.