Massimo Ranieri ballerino: ecco cosa non sapevate di lui

A Massimo Ranieri gli vengono riconosciute tantissime qualità artistiche ma quella del ballo a volte viene dimenticata

Se Massimo Ranieri gode così tanto dell’apprezzamento del pubblico è perché è ritenuto un artista a tutto tondo. Canta, recita, e balla anche. Quest’ultima caratteristica non viene ricordata immediatamente anche se la riconoscono le persone che partecipano alle sue performance teatrali dal vivo.

Massimo Ranieri
Foto Getty Images

L’artista napoletano nel corso della sua straordinaria carriera ha preso anche lezioni di tip tap. Le sue doti a dicembre scorso sono state mostrate a milioni di italiani quando è stato ospite dall’amica Mara Venier a Domenica In.

Era stato infatti trasmesso un filmato con Eleonora Abbagnato. L’artista in quell’occasione aveva detto che cominciò a prendere lezioni perché gli piaceva tantissimo l’idea che si potesse suonare con i piedi.

Nel corso della trasmissione il cantante aveva ricevuto anche una gradita sorpresa con Giorgetto, il suo maestro di Tip Tap, che gli aveva regalato portandogli in studio un paio di scarpe.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Perdere l’amore di Massimo Ranieri “scippata” a Gianni Nazzaro

Massimo Ranieri, qual è il vero nome

Lo scorso 3 maggio Massimo Ranieri ha compiuto settant’anni. Giovanni Calone, questo il suo vero nome, è nato e cresciuto al Pallonetto di Santa Lucia, zona popolare a pochi passi dal lungomare di Napoli.

Getty Images

Nato povero, da ragazzino fa mille lavori, dal barista al commesso, dal fattorino al panettiere ma anche l’intrattenitore alle comunioni e alle cresime ecosì si fa notare. Diventa la spalla di Sergio Bruni e va con lui negi Usa per una torunee.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Can Yaman esasperato dalle fan: “Davanti all’ingresso dell’abitazione”

Quando torna a Napoli continua a districarsi tra vari lavori ma la musica gli resta del sangue e un giorno viene notato durante una cerimonia da Enrico Polito che lo porta alla casa discografica CGD. Così ha inizio la sua storia d’artista, uno dei più amati del Novecento italiano.