Atp Finals Torino, come funziona: regolamento e calendario

Fino a domenica 21 novembre sono in programma i Nitto Atp Finals di Torino 2021 che vede affrontarsi i migliori otto tennisti della stagione sul cemento indoor, divisi nel Gruppo Rosso e nel Gruppo Verde.

Atp Finals Torino regolamento
Jannik Sinner (Getty Images)

Novak Djokovic è alla testa del primo girone composto da Stefanos Tsitsipas, Andrey Rublev e Casper Ruu.

Il leader del secondo girone è Daniil Medvedev che vede la partecipazione anche di Alexander Zverev, Matteo Berrettini e Hubert Hurkacz.

Vediamo cosa prevede il regolamento per quanto riguarda i gironi. Essendo un girone a quattro, ognuno gareggerà tre volte, una per ogni sfidante. Al termine delle gare supereranno il turno i primi due classificati che avranno accesso alla semifinale.

Se dovesse risultare parità al termine dei gironi, per decretare chi passa il turno si vedrà prima il numero di vittorie, poi il numero di incontri disputati (può succedere, ad esempio, se qualcuno non dovesse gareggiare per infortunio, come accaduto per Berrettini). Se dovesse esserci ancora parità si passerà alla valutazione degli scontro diretti; l’ultimo criterio sarà invece la percentuale di set vinti e quella dei game.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sorteggi playoff per il Mondiale: come funzionano e cosa aspettarsi per L’Italia

Atp Finals Torino, quante possibilità ha Sinner

Appurato chi ha superato il turno e con quale posizione, nelle semifinali il primo classificato di un gruppo sfiderà il secondo dell’altro e viceversa.

Hurbert Hurkacz e Jannik Sinner (Getty Images)

Dopo l’infortunio di Matteo Berrettini, Jannik Sinner ha preso il suo posto e ora l’altoatesino sogna la samifinale. All’esordio il giovane ha battuto il polacco Hubert Hurkacz 6-2.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tale e Quale Show vincitori Gemelli Guidonia: il commento choc

Ma le possibilità di qualificazione diminuiscono in casa di parità perché, come visto nel regolamento, Sinner al termine del girone avrà una gara in meno avendone disputato solo due su tre.