Enrico Varriale, parla l’ex compagna che l’ha denunciata per stalking

0
129

Enrico Varriale a gennaio andrà a processo dopo la denuncia della donna intervistata da Repubblica: “Avevo attacchi di panico”

“Solo adesso ho ricominciato a dormire. Tra la denuncia e il divieto di avvicinamento sono trascorsi due mesi”.

Enrico Varriale (foto Facebook) (1)
Enrico Varriale (foto Facebook)

A parlare è l’ex compagna del giornalista Enrico Varriale, ex vicedirettore di Rai Sport, che ha sporto denuncia per stalking e aggressione. È di pochi giorni fa la notizia che Varriale a gennaio andrà a processo, senza l’udienza preliminare perché le prove sarebbero “schiaccianti”.

Ogni volta che suonavano al citofono o lui la contattava, ha detto, le tornavano in mente le mani sul collo, episodio che secondo la denuncia è avvanuto il 6 agosto 2021. “Intanto io avevo paura anche quando ero chiusa dentro casa, ho capito cosa significa avere attacchi di panico, sono dimagrita cinque chili”, ha raccontato al quotidiano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Linda Batista aggredita, Barbara D’Urso: “Immagini impressionanti”

Enrico Varriale, l’ex compagna: “Quando urlavo Roma era deserta”

Mesi infernali per la donna e solo due giorni dopo il provvedimento che ha proibito a Varriale di avvicinarsi ha ricominciato a dormire. Le era stata garantita protezione, ma era sola e sbirciava dalla tende per controllare.

Enrico Varriale
Foto Facebook

Nel frattempo centinaia di messaggi e telefonate con il rischio di cedere alle richieste d’incontro. Quanto avvenuto il 6 agosto è stato solo l’ultimo episodio, precedentemente c’erano state pressioni psicologiche.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fabrizio Miccoli: Cassazione conferma condanna per l’ex allenatore del Palermo

Il giorno delle mani al collo “Roma era deserta”, ha detto, e nessuno sentiva le sue urla. Solo il portiere dello stabile si era diretto verso l’apprtamente per capire cose stesse succedendo e aveva incontrato il giornalista che scendeva le scale. Nel frattempo la Rai ha deciso di sospendere il gornalista dal video fin quando la vicenda non sarà chiarita.