Covid, il no vax Mauro da Mantova finisce intubato: social scatenati

Mauro da Mantova, il no vax divenuto popolare per i suoi interventi complottisti a La Zanzara, è stato ricoverato in terapia intensiva per Covid: il mondo dei social non lo ha risparmiato.

Solo pochi giorni fa ospite in diretta a La Zanzara, programma condotto da Giuseppe Cruciani e David Parenzo su Radio 24, aveva rivelato di essere entrato in un supermercato del milanese con la febbre a 38 vantandosi con ironia di poter essere stato un potenziale untore.

mauro da mantova, no vax in terapia intensiva
(screenshot video)

Adesso però, come per un drammatico scherzo del destino, il convinto sostenitore delle teorie no vax Mauro Buratti, meglio conosciuto come Mauro da Mantova, è finito nel reparto di terapia intensiva di un ospedale di Verona proprio a causa del Covid, di cui ha sempre negato l’esistenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Guido Russo, chi è il dentista che ha fatto “vaccinare” il braccio finto

Mauro da Mantova intubato per Covid

Le condizioni di salute dell’irremovibile no vax sarebbero gravi. A confermarlo è stato Giuseppe Cruciani, che ha raccontato di aver avuto modo di sentire Buratti recentemente “e si capiva dalla voce che stava malissimo”. “I medici – ha rivelato il conduttore de La Zanzara – dicono che è molto grave e che non reagisce alla terapia”.

mauro da mantova, no vax in terapia intensiva
(Facebook)

Nonostante la persistente febbre alta, Mauro da Mantova inizialmente non aveva intenzione di rivolgersi ai medici. A convincerlo a farsi ricoverare sarebbe stato lo stesso Cruciani con l’aiuto di un noto medico che aveva conosciuto il complottista “radiofonicamente”. In un messaggio registrato e inviato alla trasmissione di Radio 24 il no vax aveva poi raccontato con voce flebile che gli avevano diagnosticato una polmonite bilaterale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Martina Campanile: muore a 14 anni per insufficienza respiratoria aggravata dal Covid

Social all’attacco di Mauro da Mantova

La notizia del ricovero in terapia intensiva di Buratti ha fatto scatenare il mondo dei social. Su Twitter “Mauro da Mantova” è finito in poco tempo tra i Trends Topic con migliaia di messaggi, tra tanti insulti ma anche solidarietà. “Mi scende una tristezza infinita per la condizione di grottesca ottusità che ci circonda”, si legge tra i numerosi post.

Il no vax, che ha 61 anni e lavorava come carrozziere a Curtatone, nel mantovano, per le sue esternazioni complottiste è divenuto uno dei personaggi più folkloristici de La Zanzara. Nel corso della pandemia ha partecipato alle proteste sia contro il vaccino che contro il Green pass.

“Ha tutte le posizioni più estreme del negazionismo Covid – ha spiegato Cruciani – e addossava le responsabilità del fatto che non lavorasse più al neoliberismo, alla finanza mondiale”. Poi ha aggiunto in riferimento ai messaggi più pesanti che circolano in rete: “Ora è intubato in ospedale, ma chi gli augura la morte è una testa di c***o”.