Esplosione a Ravanusa, trovate due donne vive: le cause del disastro

Esplosione a Ravanusa, i Vigili del Fuoco hanno lavorato per tutta la notte: al momento ci sono ancora dei dispersi

Con il passare delle ore il bilancio del disastro che ieri sera ha colpito Ravanusa nell’agrigentino diventa sempre più preciso e triste. Al momento si ha certezza della morte di tre persone, un uomo e due donne, mentre sei sono ancora disperse.

L’esplosione ha distrutto quattro palazzine e ne ha danneggiate altre tre. I soccorritori che si sono recati sul posto hanno trovato uno scenario di guerra: acre puzza di bruciato, macerie e vetri distrutti ovunque.

Un’ambiente sconfortante che come al solito non ha però spaventato i Vigili del Fuoco che hanno estratto dalla macerie due donne vive, Giuseppa Montana e Rosa Carmina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ravanusa, esplosione in una palazzina ci sono 12 dispersi tra cui 3 bambini

Esplosione a Ravanusa, le cause del disastro

Per quanto riguarda le cause la prima ipotesi era stata quella di una fuga di gas. Durante la notte è arrivata la conferma con il problema che ha riguardato una grossa tubatura del metanodotto. L’espolosione che ha ferito mortalmente il paesino di 10mila abitanti è stato sentito anche nei paesi limitrofi.

Esplosione Ravanusa
Esplosione Ravanusa (foto Vigili del Fuoco)

Maltempo o smottamento di un terreno le probabili origini del disastro. La scintilla potrebbe essere stata innescata da un ascensore: “Il gas si è accumulato o nel sottosuolo o in un ambiente chiuso”.

A innescare l’esplosione potrebbe essere stata anche l’attivazione dell’ascensore”, ha spiegato il comandante dei Vigili del Fuoco di Agrigento, Giuseppe Merendino. Gli approfondimenti dei prossimi giorni potranno dare altre certezze.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omicidio Cantarero a Catania: la Procura individua un indagato

Tra le palazzine distrutte c’è una di quattro piani dove vivono 9 persone, tutte dello stesso nucleo familiare. Lì c’è stata una vittima e due persone sono state messe in salvo, un’anziana di ottant’annni ora ricoverata a Licata per le varie fratture e la cognata, ritracciata grazie allo squillo del cellulare.