Addio ad Anne Rice, l’autrice del bestseller Intervista col vampiro

Anne Rice, l’autrice del bestseller internazionale Intervista col vampiro è morta all’età di ottant’anni. A comunicare la triste notizia è stato Christopher, il figlio della scrittrice horror.

Christopher Rice ha dichiarato sui social che la madre Anna Rice è defunta a seguito di complicazioni mediche collegate a un infarto subito nei giorni scorsi. La Rice ha scritto nella sua carriera più di trenta libri ma la sua fama è stata sempre legata alla sua opera prima: Intervista col vampiro.

Scompare Anne Rice, l’autrice di storie di vampiri

Anna Rice (Getty)

Il romanzo Intervista col vampiro segnò l’inizio di una fortunata saga riconducibile alle gesta tenebrose dell’antieroe Lestat. L’opera prima della Rice si strutturava come un gotico moderno, una rimodulazione esistenzialista e pop della figura del vampiro, la cui narrazione partiva dal Settecento in Louisiana e arrivava fino ai giorni nostri.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Vigata, dove si trova: viaggio nella città “fondata” da Andrea Camilleri

Pubblicato nel 1976, il libro d’esordio della scrittrice americana conobbe un successo straordinario quando fu riadattato come film, nel 1994. Con la pellicola, interpretata da Tom Cruise, Brad Pitt e Kirsten Dunst, il romanzo della Rice fu ripubblicato in tutto il mondo.

La vita di Anne Rice

Intervista col vampiro (captured)

Anne era di origini irlandesi, ma era nata e cresciuta a New Orleans (Louisiana), città in cui, fra l’altro, sono ambientati moltissimi dei suoi romanzi. Da sempre attratta dalle storie del terrore e dal paranormale, fu un’adolescente ribelle. Dopo la morte della madre Katherine per alcolismo, la famiglia di Anne si spontò in Texas. Nel 1961 sposò il poeta Stan Rice, sul cui profilo la scrittrice disegnò poi il personaggio del vampiro Lestat de Lioncourt. Alla fine degli anni ’70 divenne un’autrice famosa e tradotta in molti Paesi. La critica le riservò un trattamento poco generoso: fu una grande scrittrice, ricca di fantasia e talento.

Dopo aver vissuto cinquant’anni da atea convinta, in maturità la Rice si scoprì, o meglio riscoprì, cattolica. Abbandonò quindi i romanzi horror e la sua saga di vampiri per scrivere opere storiche e religiose. Oltre a scrivere di non-morti, la Rice scrisse parecchio anche di streghe e di fantasmi.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Lutto nel cinema americano: è morto a 28 anni l’attore Joey Morgan

Da suo marito aveva avuto due figli. La prima morta in tenera età e il secondo, Christopher, è oggi uno scrittore affermato. Era vedova da una ventina d’anni.