Trieste, operaio morto al porto: quinto decesso sul lavoro in due giorni

Al porto di Trieste un operaio è rimasto schiacciato da una gru. Era dipendente di una ditta esterna: indetto lo sciopero generale

Le parole ormai si consumano, sono sempre le stesse mentre le tragedia continuano quotidianamente. Oggi in Italia si è registrato un altro morto sul luogo del lavoro, nel porto di Trieste. Erano le 10 di questa mattina, venerdì 17 dicembre.

operaio morto
Porto di Trieste (Getty Images)

Il tragico fatto è avvenuto nella zona del Molo Terzo, fuori al terminal, in un’area adiacente. Il braccio meccanico di una gru si è piegato in due, schiacciando la vittima.

Appena si è diffusa la notizia i sindacati hanno immediatamente incorciato le braccia, dalle ore 12 di oggi. Una mattanza che purtroppo non conosce sosta. Solo nella giornata di ieri ci sono stati quattro morti sul lavoro di cui due senza un regolare contratto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Valérie Perrin: biografia della scrittrice di Cambiare l’acqua ai fiori

Operaio morto al porto: continua la mattanza in Italia

Ieri due operai sono morti in Campania, un terzo in Puglia e un altro in Sardegna. Vittorio Tommasone, di 59 anni, è morto sull’isola di Ischia a seguito della caduta da un’impalcatura. Lavorava a nero e ha abbandonato una moglie e tre figli.

Morti sul lavoro
Getty Images

Il 55enne Pierino Oronzo è morto mentre stava lavorando alla guaina in provincia di Salerno: è rimasto ustionato dopo essere caduto sul bitume.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Arresto per Luca Lucci, il “toro” della Curva Sud del Milan: tutte le accuse

A Massafra, in provincia di Taranto, Luigi Aprile, 51 anni, è morto mentre stava spostando una gru da un camion. In Sardegna invece Adriano Balloi, 60enne di Tortolì, è rimasto incastrato sutto un escavatore a Monte Attu. Inutile la corsa all’ospedale Brotzu di Cagliari.