Pesaro, un uomo uccide a coltellate sua moglie: “Aveva negato il sesso”

Pesaro, la donna è stata uccisa dopo che si era rifiutata di avere un rapporto sessuale con suo marito, l’uomo ha dichiarato che la donna gli aveva promesso di avere rapporti con lui, infatti ha dichiarato di aver “preso anche il viagra”.

 

Nel momento in cui sua moglie lo ha rifiutato mettendosi a dormire, l’uomo non ci ha visto più, Vito Cangini l’80enne e marito di Natalia Kyrychoc 61enne ucraina, la quale è stata uccisa a coltellate nella notte tra il 25 e il 25 Dicembre.

Pesaro, uccide la moglie a coltellate dopo che la donna ha rifiutato di far sesso con il marito (Foto dal web)
Pesaro, uccide la moglie a coltellate dopo che la donna ha rifiutato di far sesso con il marito (Foto dal web)

Il legale dell’uomo è l’avvocato Stefano Vichi, il quale ha dichiarato che Vito Cangini è stato in preda ad un raptus improvviso causato dal rifiuto di avere rapporti coniugali, potrebbe essere necessaria una perizia psichiatrica.

Secondo alcune ricostruzioni, sembra che l’80enne dinanzi al rifiuto di consumare un rapporto sessuale con sua moglie, i due erano sposati da 17 anni, si è recato in cucina ha preso un coltello e ha inferto 6 fendenti al petto della donna uccidendola all’istante.

Subito dopo si è rimesso a dormire con il cadavere di sua moglie per terra, si è svegliato al mattino per poi fare colazione, ha preso il suo cane e ha fatto una passeggiata.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Omicidio suicidio a Prato: uccide la moglie col fucile da caccia, poi si spara

Pesaro, l’uomo ha dormire con il cadavere di sua donna per terra, ha fatto colazione e ha fatto una passeggiata con il suo cane

Una volta tornato a casa a metà mattina, ha preparato il pranzo mangiando cappelletti e lesso con il cadavere di sua moglie nella camera da letto, subito dopo ha bevuto molto.

Torna a vagare per la campagna con il suo cane, per poi incontrare un vicino di case e confessargli di aver ucciso sua  moglie, per poi chiedergli di chiamare i Carabinieri. Ma l’anziano rifiuta l’offerta dichiarando di non volersi “impicciare” in questa situazione, l’ha esortato dicendogli di “cavarsela da solo”.

L’uomo è tornato a casa per capire cosa fare, nel frattempo ha chiamato al telefono della moglie  un suo amico connazionale, l’80enne ha risposto chiedendogli di chiamare i Carabinieri dopo aver confessato il suo omicidio.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Femminicidio a Ostia Antica: 79enne uccide la moglie con un fucile

Subito dopo l’uomo ha telefonato al ristorante di Misano Adriatico dove sua moglie lavorava come cuoca, doveva lavorare alle ore 17.30, ha dichiarato al titolare che non l’avrebbero più rivista perché l’aveva uccisa, dichiarando il sospetto che tra il giovane ristoratore e sua moglie ci fosse una relazione.

Il ristoratore si recherà presso i Carabinieri di Cattolica, spiegando la telefonata, gli agenti effettueranno un sopralluogo per poi trovare Vito Cangini in cucina mentre li aspettava mangiando qualcosa, per poi mostrarli il cadavere della moglie.