Adriana Volpe risarcita da Magalli: la reazione e l’appello a Mediaset

Adriana Volpe è stata diffamata dal conduttore secondo il tribunale. Ora guarda al futuro professiona e ha un sogno nel cassetto

La conduttrice Adriana Volpe non ha passato anni sereni. Dopo che per molto tempo è stata accanto a Giancarlo Magalli alla guida de I fatti vostri, con lo storico presentatore del programma Rai ha avuto gravi discussioni finite addirittura in tribunale.

Adriana Volpe
Adriana Volpe (foto Facebook)

Di recente i giudici si sono espressi dando ragione a lei. La donna, oggi impegnata come opinionista nel Grande Fratello Vip 6, non si era mai espressa in merito ma adesso, attraverso un’intervista al settimanale Ora, ha detto la sua.

Ha rivelato di aver avuto un pianto liberatorio e che comunque si aspettava che Magalli le chiedesse scusa, ma ciò non è avvenuto. “Per anni ha infangato sia la mia credibilità professionale sia la mia dignità di donna e di madre”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Adriana Volpe, le accuse al marito Roberto Parli: cosa è successo

Adriana Volpe strizza l’occhio a Mediaset

Ora la conduttrice guarda avanti. Dopo il suo allontanamento dalla Rai ha trovato casa su Tv8 con Ogni mattina, programma che però non è stato premiato dagli ascolti.

GF Vip, lite furiosa tra Adriana Volpe e Sonia Bruganelli su una foto con Giancarlo Magalli (Screenshot)

Così è tornata a Mediaset con il GF Vip che aveva già assaggiato in quanto concorrente della quarta edizione.
“Mi sento privilegiata di far parte dell’edizione più lunga della storia del GF Vip”. Il vincitore sarà infatti proclamato il 14 marzo e c’è ancora molto da fare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cristina D’Avena festeggia il Disco d’Oro, ma il particolare hot non sfugge ai fan

La Volpe coglia l’occasione per rivolgere un appello proprio a Mediaset dove si trova tanto bene che ha un piccolo sogno nel cassetto. Nell’azienda si sente accolta e valorizzata, ha detto, e le piacerebbe condurre un programma tutto suo “che mi rispecchi in valori ed etica”.