Onu: cannabis pianta medicinale, via dalla lista delle sostanze pericolose

0
552

Questa mattina l’Onu ha riconosciuto le proprietà terapeutiche della cannabis che è stata tolta dalla lista delle sostanze rischiose.

Questa mattina, gli stati membri della Commissione droghe delle Nazioni Unite (Cnd), hanno espresso il loro voto e riconosciuto ufficialmente le proprietà terapeutiche della cannabis. La sostanza sarà ora cancellata dalla tabella 4, quella delle sostanze ritenute più pericolose e dove sono inserite anche eroina e cocaina. L’Unione Europea ha votato tutta compatta ad eccezione dell’Ungheria, unica contraria.

Leggi anche -> Grave lutto per il principe Harry: è morta Lady Celia Vestey

L’Onu riconosce le proprietà terapeutiche della cannabis

Le Nazioni Unite si sono riunite questa mattina a Vienna per esprimere il proprio parere su una serie di raccomandazioni proposte dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) in materia di stupefacenti. Le raccomandazioni afferiscono ai trattati internazionali sugli stupefacenti del 1961 e a quello sulle sostanze psicotrope del 1971.

Tra i 6 punti da discutere in mattinata, anche quello sulla cannabis che, dopo il voto, è stata ufficialmente declassata dalla lista delle sostanze ritenute pericolose, in quanto sono state riconosciute le proprietà terapeutiche della pianta.

L’Unione Europea ha espresso compattamente voto favorevole, unica eccezione l’Ungheria che ha invece votato in maniera opposta. Anche gli stati delle Americhe si sono espressi favorevoli mentre la maggior parte dei paesi asiatici e africani si sono opposti.

Marco Perduca, curatore della campagna “Legalizziamo!” per l’Associazione Luca Coscioni, ha detto che quello di oggi è un risultato storico “anche perché le raccomandazioni dell’Oms erano state elaborate sulla base della letteratura scientifica prodotta negli anni, in condizioni molto difficili”.

Ora, questo cambiamento storico faciliterà sicuramente la ricerca scientifica sulla cannabis che, com’è noto, ha già mostrato grandi benefici nella cura di malattie come il Morbo di Parkinson, la sclerosi, l’epilessia e il cancro.

Leggi anche -> Amber Rachdi: da Vite al limite a star di Instagram