Sezze, è caos nella giunta comunale. Il sindaco Di Raimo: “Pronto a lasciare”

0
688

Sezze, è caos nella giunta comunale dopo l’inchiesta sul cimitero profanato. Il sindaco della città Sergio Di Raimo: “Pronto a lasciare”

Sezze inchiesta sul cimitero profanato
Sergio Di Raimo Facebook

 

Il sindaco di Sezze, Sergio Di Raimo, è pronto a dimettersi dopo lo scandalo, sul cimitero profanato, che ha coinvolto la cittadina in provincia di Latina.

Nel dettaglio, a Sezze, circa una settimana fa è venuta alla luce una notizia shock con protagonisti un gruppo di preti. Nel cimitero della città, quest’ultimi si sono resi fautori di alcuni festini a luci rosse a base di esorcismo e prostituzione. Tra le persone coinvolte nello scandalo ci sarebbero anche alcuni dipendenti comunali e titolari di agenzie funebri del territorio. L’accusa, a vario titolo, è di molteplici delitti contro la Pubblica Amministrazione, la pietà dei defunti e contro la persona.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Latina, organizzavano festini a luci rosse al cimitero: 11 arresti

Sezze inchiesta sul cimitero profanato, il messaggio del sindaco della cittadina

Tramite un messaggio ai consiglieri comunali, Sergio Di Raimo, invita tutta la giunta a dimettersi. Le sue parole: “Ritengo che questa esperienza amministrativa debba finire qui, Andare avanti nonostante le defezioni – scrive Di Raimo- non ha nessun senso e non porterebbe da nessuna parte, soprattutto in un momento come questo”.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Sparatoria a Boulder, un uomo uccide 6 persone in un market

Il sindaco poi continua: “Il paese ha bisogno di una maggioranza solida, compatta e convinta che oggi, ma già da qualche tempo, non mi pare ci sia. Le mie dimissioni diventerebbero irrevocabili solo tra 20 giorni e sarebbero 20 giorni di incertezza, di pressioni finalizzate a farmi cambiare idea e di stallo amministrativo. E’ per questo che invito tutti i consiglieri in carica, di maggioranza e di minoranza a rassegnare le proprie dimissioni, insieme alle mie e contemporaneamente così che, in modo immediato, si determinerà lo scioglimento del consiglio e la nomina del commissario“.