Giornata Nazionale Dante Alighieri: Benigni, su Rai3 Il quinto dell’Inferno

0
699

Roberto Benigni, leggerà su Rai3 “Il quinto dell’inferno” in onore di Dante nella Giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri.

Roberto Benigni recita il Quinto dell'Inferno su Rai3 (Getty Images)
Roberto Benigni recita il Quinto dell’Inferno su Rai3 (Getty Images)

Nel 2021 ricorre il settecentesimo anniversario dalla sua morte, Rai3 riproporrà la lettura di Roberto nel “Il Quinto dell’Inferno”, andrà in onda Giovedì 25 Marzo alle ore 21.20.

Venne trasmessa in onda su Rai1 il 29 Novembre del 2007, la recita del celebre attore era incentrata sulla passione che c’era tra Paolo e Francesca  del Canto V dell’Inferno.

Dove possiamo trovare i versi “Ch’a nullo amato amar perdona”, nel 2007 fu un successo televisivo che tenne incollati allo schermo circa 10 milioni di telespettatori.

Ad accompagnare l’esibizione di Roberto, ci sarà anche Corrado Augias che farà un’introduzione sulla visione dell’amore nel romanzo di Dante. A seguire ci sarà anche una discussione in studio “L’Italia di Dante”, gestita da Corrado Augias e Aldo Cazzullo.

Troveremo ospiti come Giorgio Zanchini, e si cercherà di raccontare la vera rivoluzione di Dante, ovvero l’aver intuìto che elevare il volgare ad una lingua letteraria, era una sorta di mettersi in gioco tramite uno strumento in grado di tenere unito un Paese.

L’Italia non nascerà da una guerra o da un’astuta diplomazia, ma bensì nasce dai versi di Dante. In questo modo Augias, Cazzullo e Zanchini ripercorreranno i versi del celebre poeta.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Separazione tra Roberto Benigni e Nicoletta Braschi: i motivi della scelta

Roberto Benigni, l’esibizione dell’attore al Quirinale in occasione dei 700 anni del poeta

Nel settimo centenario della morte di Dante si è voluto far divenire un fatto letterario, l’elemento centrale del patrimonio universale e nazionale. Dante è sempre stato un poeta assoluto, ma l’ampiezza delle domande e soprattutto il contributo che ha dato alla cultura italiana sono inestimabili.

La Divina Commedia dovrebbe essere per gli italiani, come il presepe o l’albero di Natale. L’ideale sarebbe donare ad ogni alunno della scuola italiana almeno un testo della Divina Commedia, proprio per far apprendere un pezzo di storia alle nuove generazioni.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Roberto Benigni compie 68 anni, prestigioso palcoscenico all’orizzonte

Inoltre sono state numerose le iniziative della Rai per il settimo centenario del più grande poeta italiano, infatti verranno coinvolti canali come Rai5, Rai Storia e Rai Scuola.

C’è stato un grande lavoro svolto sia da Rai Cinema che dal Ministero della Cultura, l’impegno dei sindaci come Dario Nardella a Firenze, hanno contribuito a rendere omaggio nella giusta proporzione ad un poeta che non ha mai smesso di essere un’icona indiscussa della poesia italiana nel mondo.