Ciao Darwin, chi è Thiago Macedo: il modello nella squadra dei Belli

0
167

Stasera va in onda su Canale 5 una puntata dell’ottava edizione di Ciao Darwin, chi è Thiago Macedo: il modello nella squadra dei Belli.

(Instagram)

Nuova puntata speciale stasera per Ciao Darwin – A grande richiesta: Canale 5 ripropone infatti in prima serata alcune delle puntate che hanno fatto la storia del noto programma televisivo e non poteva mancare questa. Infatti, oggi 26 marzo, ecco tornare una sfida dell’ottava edizione del programma condotto da Paolo Bonolis, ovvero quella tra Belli e Brutti.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo –> Sara Vulinovic, chi è la Madre Natura di Ciao Darwin

Tra i Belli, ha sfilato ‘sfidando’ il brutto Alessandro Di Masi un bellissimo modello brasiliano. Stiamo parlando di Thiago Macedo, un volto che in molti ricordano per alcune sue partecipazioni a fiction tv. In particolare, ha preso pare alla seconda stagione della fiction tv “Il peccato e la vergogna”, al fianco di Gabriele Garko, Manuela Arcuri e Francesco Testi.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo –> Youma Diakite: cosa sapere sulla super modella maliana

Cosa sapere su Thiago Macedo, protagonista a Ciao Darwin

In passato è stato immortalato in compagnia di Lory Del Santo ed è stato definito il toyboy dell’attrice, ex compagna di Eric Clapton. Lui però ha smentito decisamente questo dettaglio, in un’intervista al quotidiano ‘Il Giornale’: “Tra noi non c’è mai stata nessuna relazione amorosa” – ha affermato con decisione – “Quelle foto rubate ci ritraggono in spiaggia, ma non eravamo soli. Tutte quelle falsità mi hanno dato parecchio fastidio”.

Appassionato di basket, non ha nascosto che quelle foto gli avrebbero danneggiato la carriera e ha spiegato che una volta chiuso col mondo della moda si sarebbe dedicato allo studio e all’attività imprenditoriale poi. Ha raccontato nell’intervista di qualche tempo fa al quotidiano ‘Il Giornale’: “Ho comiciato a sfilare in Brasile circa 10 anni fa, all’epoca studiavo Medicina all’università. In poco tempo mi sono ritrovato a girare per il Sud America, fino a che la mia agenzia ha deciso di ampliare le mie prospettive di lavoro e sono approdato prima a New York e in seguito a Londra. Ora sono stabile a Milano, qui ho trovato il mio equilibrio e la mia dimensione”.