Sileri su AstraZeneca: “Possibile che Ema limiti uso per certe categorie”

0
168

E’ possibile, per maggiore precauzione, che l’Agenzia europea dei medicinali Ema indichi che per una determinata categoria è meglio non utilizzare il vaccino anti-Covid di AstraZeneca” – ad affermarlo è stato a Radio 24 il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri.

ROME, ITALY – MARCH 05: A healthcare worker of the Italian Army prepares doses of the AstraZeneca COVID-19 vaccine, as part of COVID-19 vaccinations plan for the military personnel, on March 5, 2021 in Rome, Italy. The Italian government blocked the shipment of 250,000 doses of the Oxford/AstraZeneca vaccine developed by the Anglo-Swedish group and produced in a factory near Rome. This is the first time that a European country has applied new rules to control vaccine exports, adopted in January. (Photo by Antonio Masiello/Getty Images)

Il sottosegretario ha precisato anche che “questo è successo anche per tanti altri farmaci” e che nel caso di AstraZeneca il vaccino è stato utilizzato “in un numero estremamente alto di soggetti, mentre gli eventi trombotici rari segnalati sono pochissimi”. “Non vi è ombra di dubbio che vi sia un rapporto rischio-beneficio positivo”. Sileri ha aggiunto anche che l’Ema “può cioè individuare dei sottogruppi di popolazione che presentano un comune denominatore per un maggiore livello di rischio, e valutare  il rapporto causa-effetto in tali gruppi”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, scontro Brosio – Bassetti sui vaccini

Sugli  eventi trombotici rari e sui possibili interventi da parte dell’Ema, Sileri ha affermato che “rientra nei processi di farmacovigilanza ed è già successo per tanti altri farmaci, a partire dall’aspirina, perlaquale a partire dagli anni ’80 è stato posto un limite d’uso per la fascia dei bambini sotto i 12 anni per alcuni eventi avversi”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19: vaccinare anche adolescenti e bambini?

Kyriakides, Commissario europeo per la salute e la politica dei consumatori ha invece dichiarato che : “La valutazione Ema attesa mercoledì” “Siamo in stretto contatto con l’Agenzia europea del farmaco sulla valutazione della farmacovigilanza del vaccino di AstraZeneca. La valutazione è attesa per mercoledì”.  L’Ema però fa sapere “La commissione della farmacovigilanza che valuta il rischio (Prac)” sul vaccino di AstraZeneca ed eventuali legami con i casi di trombosi cerebrale “non ha ancora raggiunto una conclusione. La revisione è in corso. Terremo una conferenza stampa non appena il lavoro sarà terminato, domani o giovedì”. 

Una nota del Ministero della salute chiarisce invece che “Il confronto tra il ministero della Salute e l’Aifa è costante e le interlocuzioni tecniche sulla campagna vaccinale si svolgono con regolare frequenza. Non vi è in programma alcun vertice specifico”.