Muore schiacciato dal trattore a soli sedici anni

0
252

Muore schiacciato dal trattore. Aveva soltanto sedici anni Nicola Melas.

Trattore incidente mortale

Il destino si presenta spesso con il suo volto peggiore, non importa quanti anni hai, non importa se si è giovani con una vita davanti e tanti sogni nel cassetto. Arriva, in silenzio, e ti porta via. Da tutto. Da tutti. Soltanto ieri leggevano della tragedia di Lucca, dove, in una fabbrica, una ragazza di soli ventidue anni veniva massacrata dalla macchina alla quale lavorava.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Luana D’Orazio, primi indagati per la sua morte sul lavoro

Lascia un bambino di cinque anni. Ma questo al destino non interessa. Ed al destino non interessa nemmeno prendersi la vita di un ragazzo che di anni ne ha soltanto sedici. Il suo è, o meglio era, purtroppo, Nicola Melas. Tragedie assurde quelle di Luana e Nicola, che ti fanno venire in mente mille domande, che non hanno mai risposte. Ti donano soltanto mille dubbi, su tutto, sul senso della vita, se la vita abbia davvero un senso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morti sul lavoro, un caso a Varese: deceduto un operaio 49enne

Muore schiacciato dal trattore. La tragedia di Nicola Melas

Ci troviamo a Guasila, nel sud della Sardegna. Il giovane Nicola Melas, stando alla ricostruzione dei carabinieri, ha preso il trattore di un vicino per fare un giro, per puro divertimento, non si sa se lo abbia fatto all’insaputa del padrone del mezzo. A un certo punto, però, Nicola è arrivato a percorrere con il trattore una salita ripidissima. In quel momento il mezzo si è completamente rovesciato e Nicola Melas è rimasto sotto la testa schiacciata, a causa di un colpo che purtroppo si è rivelato fatale.

La notizia della sua morte ha fatto rapidamente il giro del paese, gettando tutti nella tristezza e nello sconforto. Il tam tam dei social è stato messo in moto ed immediatamente sono arrivati ​​decine di messaggi di cordoglio. Anche la sindaca di Guasila, attraverso il suo profilo, ha espresso il sentimento dell’intera comunità e le sue parole dicono tutto: “qualsiasi parola è superflua”.

Qualsiasi parola è superflua per descrivere la rabbia ed il dolore che si provano dinanzi a tragedie come questa. Un’altra giovane vita andata via in un attimo, un’altra giovane vittima di un destino crudele da rimpiangere per sempre.