Sergio Cammariere, cugino di Rino Gaetano: “Ma ho un rimpianto”

0
180

La vita privata di Sergio Cammariere, cugino di Rino Gaetano: “Ma ho un rimpianto”, la confessione del cantautore.

(screenshot video)

Una parentela della quale ha iniziato a parlare solo di recente, ma che adesso vive con il rimpianto di non averla mai frequentata. Il cantautore Sergio Cammariere, a 40 anni dalla morte di Rino Gaetano, in più occasioni ha spiegato che tra loro – entrambi di origine calabrese – c’era un vincolo di parentela. Una parentela che però a quanto pare non hanno potuto coltivare per ragioni precise.

Potrebbe interessarti anche -> Patty Pravo, un cantante rileva: “6 mesi d’amore con lei”

Lo ha spiegato lo stesso Sergio Cammariere – che in queste ore è tornato in televisione per presentare il suo nuovo libro con un disco che raccontano la sua carriera – durante un’intervista rilasciata al portale Leggo.it e dove confessa come sono andate effettivamente le cose nella sua famiglia.

Potrebbe interessarti anche -> Sergio Cammariere e la parentela con Rino Gaetano

La confessione di Sergio Cammariere sul cugino Rino Gaetano

Sergio Cammariere
Photo by Roberto Finizio/Getty Images

Sottolinea il ‘cantautore piccolino’, come si autodefinisce in un suo brano: “Il mio nonno paterno era il padre del mio papà e della mamma di Rino ma essendoci un caso di figlio fuori dalla prima famiglia non ci siamo frequentati. Ma sono affascinato da Rino e dai suoi cimeli”. Racconta quindi che il nonno veniva denominato ‘Seminator’ e che non aver potuto frequentare Rino Gaetano è stato senza dubbio un suo grande rimpianto.

Sergio Cammariere ha ricordato: “Rino è nato nella mia stessa terra, ha respirato lo stesso ‘azzurro’, quello del mare di Crotone, e come me un giorno è partito per dedicarsi al suo sogno. E direi che il risultato è ancora vivo sotto gli occhi di tutti. La gente canta ancora le sue canzoni, la piazza oggi è piena, immagina se fosse ancora con no”. Poi sempre a Leggo.it ha evidenziato: “Mi avrebbe aiutato, magari invece di arrivare al successo a 43 anni l’avrei raggiunto prima”.