Cocaina a Eurovision: Damiano David dei Maneskin negativo al test

0
987

Il caso del presunto consumo di cocaina a Eurovision: Damiano David dei Maneskin negativo al test, arriva la nota ufficiale.

(Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)

Damiano David non ha consumato cocaina nel corso della finale dell’Eurovision Song Contest, svoltasi a Rotterdam sabato scorso, 22 maggio, e vinta dai Maneskin. Insomma, il consumo di droga in eurovisione è una bufala e coloro che per primi hanno difeso il cantante dei Maneskin, parlando di immagini manipolate ad arte e di un’incredibile fake news, avevano perfettamente ragione.

Ti potrebbe interessare anche —> Eurovision 2021, i Maneskin e l’Italia trionfano dopo 30 anni a Rotterdam

Il cantante, nella conferenza stampa seguita alla vittoria del concorso canoro a livello europeo, aveva proclamato la propria innocenza, dando una versione dei fatti credibile e quindi puntualizzando di non usare droga. Qualche ora più tardi, di fronte alle pressioni della Francia, arrivata seconda con la bravissima Barbara Pravi, la stessa delegazione italiana aveva chiesto agli organizzatori di approfondire per fugare ogni dubbio.

Ti potrebbe interessare anche —> Eurovision 2021, i francesi chiedono la squalifica dei Maneskin: il motivo

Il responso ufficiale su Damiano dei Maneskin: non ha usato cocaina

(screenshot video)

Pochi minuti fa, l’European Broadcasting Union (EBU), che organizza e si preoccupa della trasmissione del festival in tutta Europa, ha sciolto le riserve sulla bontà della vittoria dei Maneskin, che insomma non sarebbe stata viziata dal consumo di cocaina in eurovisione. La nota parla chiaro: sono stati controllati tutti i filmati disponibili per capire se sia successo al tavolo italiano qualcosa di anomalo e tutti hanno dato esito negativo.

Ma la notizia vera è che anche Damiano David, peraltro volontariamente, si sarebbe sottoposto a test antidroga e questo avrebbe dato appunto esito negativo. “Siamo allarmati dal fatto che speculazioni imprecise che portano a notizie false abbiano oscurato lo spirito e l’esito dell’evento e influenzato ingiustamente la band”, scrive l’EBU che si complimenta nuovamente coi Maneskin e rilancia l’appuntamento per il prossimo anno, quando il festival europeo della canzone si svolgerà in Italia.