Mauro Romano: la vicenda diventa un libro, un giallo lungo 44 anni

0
423

Il caso di Mauro Romano, il piccolo scomparso nel 1977, viene ricostruito da Flavia Piccinni e Carmine Gazzani nel libro appena uscito

(screenshot video)

Mauro Romano aveva sei anni quando nel 1977 scomparve da Racale, un piccolo e tranquillo paesino del Salento. La sua vicenda è stata messa un po’ nel dimenticatoi per molto tempo e come spesso succede è stato un caso simile, quello di Denise Pipitone che negli ultimi mesi ha riconquistato spazio sulle pagine di cronaca, a far riemergere di nuovo la vicenda.

I casi dei bambini scomparsi hanno spesso delle similitudini come tra Mauro e Denise e sono da traino per far ricordare di nuovo altri. La storia del piccolo salentino ha toccato particolarmente Flavia Piccinni e Carmine Gazzani autori per Fandango del libro Storia di una scomparsa.

Il libro è stato causa ed effetto della ripresa del caso messo nell’elenco delle scomparse dimenticate. I misteri vanno avanti da ben 44 anni tanto che hanno portato gli autori a definire la scomparsa di Mauro Romano la più lunga della storia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Saman Abbas, forse resti individuati: che fine ha fatto il corpo della giovane

Mauro Romano, il libro che ricostruisce l’intere vicenda

Copertina Storia di una scomparsa (foto Instagram)

Negli ultimi mesi si è riparlato del caso per la “pista araba” secondo la quale Mauro è Mohammed Al Habtoor, uno sceicco. I genitori avevano sostenuto questa tesi dopo aver visto delle cicatrici sul corpo dell’uomo come quelle che aveva il bambino.

Ma come ha spiegato l’autrice del libro questa ipotesi alla quale i genitori e Toni, il fratello di Mauro, si sono aggrappati, non è nuova ma risale al 1999. Toni spesso ha cercato di incontrare il ricco arabo ma ogni volto, nonostante gli incontri fossero concordati, qualcosa ha impedito ai due di vedersi.

Gli autori Flavia Piccinni Carmine Gazzani (foto Instagrm)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Quarto Grado, lutto in trasmissione: morto Gian Gavino Sulas

Piccinni e Gazzanni hanno raccontato di aver scritto questo libro quasi per caso perché si stavano occupando di altro ma sono stati toccati dalla storia di Mauro che vedrebbe coinvolto il gruppo dei Testimoni di Geova di allora al quale facevano parte i genitori prima di allontanarsene 11 anni fa.