Medvedev contro Tokyo 2021: “Che succede se muoio in campo?”

0
248

Medvedev, chiede cosa potrebbe accadere nel caso si senta male in campo, chi si prenderà la responsabilità se l’atleta muore durante le Olimpiadi a Tokyo?

Medvedev, teme di morire in campo per le alte temperature a Tokyo 2021 (Getty Images)
Medvedev, teme di morire in campo per le alte temperature a Tokyo 2021 (Getty Images)

Le alte temperature afose e umide che ci sono state Mercoledì scorso hanno fatto preoccupare l’atleta Daniil circa una domanda che qualcuno si sarebbe posto in alcuni casi.

Cosa potrebbe accadere se Daniil muore in campo? L’atleta fa parte della squadra Russa durante le olimpiadi, il numero 2 del mondo ha riscontrato diverse difficoltà nel completare il terzo round durante il match contro l’azzurro Fabio Fognini.

L’arbitro Carlos Ramos durante il match ha chiesto al tennista se riuscisse a continuare il match, il russo ha risposto: “Sono un guerriero, finirò il match, ma potrei anche morire. Se muoio la Federazione Internazionale di Tennis si assumerà le sue responsabilità?”.

Nello stesso giorno la tennista spagnola Paula Badosa ha dovuto lasciare il match sulla sedia a rotelle durante il quarto di finale contro la Ceca Marketa Vondrousova per via di un arresto cardiaco.

Badosa ha perso il primo set con un punteggio di 6-3 prima di richiedere l’assistenza medica nel timeout proprio all’inizio del secondo set. Dopo un lungo trattamento a bordo campo, Badosa non è riuscita a continuare il match.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Tokyo 2020, solo argento per la Bacosi nella gara skeet del Tiro a Volo

Medvedev, l’atleta si chiede chi si assumerà la responsabilità nel caso muoia in campo

Badosa invece ha dichiarato di aver avuto un arresto cardiaco durante il match e non se l’è sentita di continuare a sforzare il suo corpo, per Paula è stata una vergogna terminare la sua partecipazione alle olimpiadi di Tokyo in questa maniera.

Le condizioni sono state difficili sin dal primo giorno, ha cercato in tutti i modi di adattarsi al clima e ai ritmi, ma purtroppo il suo corpo non ce l’ha fatta durante il match.

Dopo aver disputato il match, la sua avversaria la Ceca Vondrousova ha rivelato le sue precauzioni per riuscire a convivere con le condizioni climatiche a Tokyo.

Durante il match, l’atleta utilizzava asciugamani ghiacciati e anche un tubo per l’aria, inoltre l’atleta ha anche diversi gel rinfrescanti che le permettono di resistere alle temperature più alte.

Mercoledì scorso le temperature a Tokyo hanno sfiorato gli 80° Fahrenheit, secondo la CNN il rischio di collassi da parte degli atleti durante le gare è alto. L’umidità e le alte temperature stanno mettendo a dura prova gli atleti, i quali non riescono a rinfrescare il corpo durante gli intervalli.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Tokyo 2020, quarta medaglia per l’Italia: Odette Giuffrida bronzo nel judo

Cosa è accaduto a Daniil Medvedev

Il tennista 25enne russo nonostante abbia avuto tante difficoltà durante il match, è riuscito a vincere con 1-6 6-1 e 6-3. Sin dal primo set non era al 100% il suo respiro era affannato, questo è stato uno dei motivi principali per il quale ha chiamato il suo fisioterapista.

Improvvisamente ha percepito che il suo diaframma si era bloccato, non riusciva a respirare in maniera regolare, ha subito pensato che fosse a causa del caldo e dell’umidità.

Durante il secondo set, il tennista ha cominciato a soffrire di attacchi di caldo e la sua vista ha cominciato ad appannarsi, non riusciva a sentirsi al 100%, nel momento in cui si piegava per colpire la palla, il respiro non veniva recuperato e l’unico desiderio era quello collassare sul campo.

L’azzurro Fognini è stato della stessa idea, dichiarando che le condizioni erano difficili durante tutto il match, il timeout dopo il primo set gli è servito a farlo sentire meglio riguardo la sua prestazione fisica.

Se avessero chiuso il campo per riuscire a riparare gli atleti dal sole, sarebbe stato peggio per via delle condizioni afose e della cappa d’umidità che avrebbe creato la chiusura del campo.

L’atleta russo è continuato a motivare la sua tesi dichiarando che durante il primo set le condizioni erano difficili, infatti da sempre è riconosciuto come uno degli atleti più controversi e senza peli sulla lingua del tennis.

Novak Djokovic Sabato ha descritto le condizioni climatiche di Tokyo 2021 come “brutali” durante il suo primo round, per questo motivo è stato della stessa idea di Medvedev nel disputare i match la sera.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Olimpiadi Tokyo 2020, Elisa Longo Borghini bissa il bronzo di Rio

Alcuni giocatori non stanno soffrendo il caldo e le temperature difficili di Tokyo 2021

Ashleigh Barty l’atleta Australiana ha dichiarato di non aver alcun problema riguardo le temperature afose. Nel tardo pomeriggio di Mercoledì la ITF ha annunciato dei cambiamenti nella programmazione dei match.

A partire da domani infatti tutti i match cominceranno dopo le 3 del pomeriggio, ora locale. La decisione è stata presa per tutelare gli interessi e la salute degli atleti che partecipano alle olimpiadi.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Olimpiadi Tokyo: Samele e Dell’Aquila, le prime due medaglie sono pugliesi

Dopo una lunga consultazione con le squadre, gli atleti e gli esperti medici, la ITF ha ritenuto necessario questo cambiamento di programmazione dei match. In più tutti gli atleti potranno chiedere 10 minuti di break durante ogni set nel caso in cui le temperature superino i 30.1°C, equivalenti a 86 gradi Fahrenheit.

Mark Adams il responsabile del Comitato Internazionale Olimpionico ha dichiarato che verranno prese misure eccezionali per riuscire a contrastare il clima umido durante la competizione.

Tra queste c’è la decisione di spostare la maratona di Sapporo 400 miglia più a nord di Tokyo, lo stesso verrà fatto per tutti gli eventi che coinvolgono stress fisico per gli atleti, come i 5000 metri.

Anche i giudici di gara nel tennis dovranno indossare una tuta refrigerante, la quale riesce a tenere la temperatura corporea stabile. In progetto ci sono diverse soluzioni ingegnose che possono prevenire malesseri dovuti al caldo e all’umidità.