Violenza su una bambina, 30enne picchiato dai familiari della vittima

0
604

Violenza su una bambina, il fatto è accaduto a Bologna. L’uomo accusato è già stato coinvolto in un caso simile

Getty Immages

È padre di una bambina di 12 anni e come sempre capita ai genitori, conosceva l’amica coetanea di sua figlia. Si tratta di un uomo di 30 anni del quartiere bolognese del Pilastro che avrebbe messo le mani addosso all’amichetta della figlia. La vittima della presunta violenza ha raccontato tutto al padre che non ha chiamato le forze dell’ordine ma ha chiesto spiegazioni all’uomo.

Prima di farlo aveva però avvisato amici e parenti e tutti insieme si sono recati a casa del 30enne. Mentre parlavano, però, è stato trascinato fuori dall’abitazione e l’hanno picchiato in strada. A quel punto sono intervenute le forze dell’ordine su richiesta dei vicini che hanno visto la rissa che si svolgeva in strada.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Allontanato dal supermercato perché è senza mascherina, l’uomo torna e spara

Violenza su una bambina, uomo portato in ospedale

Morti sul lavoro
Getty Images

Sul posto oltre la pattuglia della polizia è arrivata anche l’ambulanza del 118 che ha soccorso l’uomo e portato all’ospedale così come la ragazzina 12enne per accertamenti.

Secondo quanto riporta la redazione bolognese di Repubblica, l’uomo accusato ha ammesso le proprie responsabilità aggiungendo che la figlia dell’amica era consenziente e ora è sottoposto al fermo di polizia. Oggi davanti al Gip è in programma l’udienza di convalida dell’arresto.

La famiglia del 30enne in queste ore ha lasciato la città per timore di ritorsioni mentre lui era giunto a Bologna da poco perché già altrove era stato coinvolto in un episodio simile con il procedimento che è ancora in corso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Allontanato dal supermercato perché è senza mascherina, l’uomo torna e spara

Oltre alla solidarietà per la bambina sui social tanti sono i messaggi di rabbia contro il 30enne. Leggendo i commenti per molti a quell’età non si può essere consenziente e anche se lo fosse stata, scrivono altri, si tratta di una minorenne e mai si sarebbe dovuto compiere un gesto del genere.