Mentana: “Fischi a Donnarumma e Koulibaly facce delle stessa ignoranza”

Enrico Mentana mette sullo stesso piano gli insulti a Donnarumma che ha lasciato il Milan per il Psg e quelli razzisti a danno di Koulibaly

chi è enrico mentana
Ernesto Ruscio/Getty Images

Gianluigi Donnarumma torna con la Nazionale a San Siro, lo stadio che l’ha consacrato calciatore a livello mondiale ma piovono fischi. Domenica scorsa alla fine di Fiorentina-Napoli a essere preso di mira dai tifosi di casa era stato il difensore partenopeo Koulibaly. I motivi sono diversi ma per il noto giornalista Enrico Mentana sono due facce della “stessa feroce ignoranza”.

Il direttore del Tg La7 e di Open ha espresso questo pensiero pubblicando su Facebook un articolo del giornale web a firma della redazione dove sono stati raccolti dei video dell’ ‘accoglienza’ riservata al portiere della Nazionale. “Dopo tanto orgoglio di essere italiani, ecco il suo opposto, la vergogna per loro“, ha scritto il direttore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Italia-Spagna 1-2, Roja in finale: pagelle e tabellino

Mentana mette i casi di Donnarumma e Koulibaly sullo stesso piano: arrivano le critiche

I motivi delle contestazioni, però, sono ben diversi. Donnarumma in estate ha lasciato il Milan per il Psg per cause prettamente economiche, anche se a Parigi ha trovato più spazio in panchina che tra i pali. E i tifosi rossoneri non l’hanno perdonato riservandogli striscioni poco lusinghieri già all’esterno dell’hotel dove ha alloggiato con tutta la troupe azzurra che recitava: “A Milano non sarai mai più il benvenuto, Donnarumma uomo di m…”.

Ovviamente la contestazione è continuata nel corso della partita e già dalla lettura delle formazioni. Una rabbia che i tifosi si portano dentro da mesi e che nulla ha a che fare con quanto successo domenica a Koulibaly del Napoli che ha ricevuto “buuu” da alcuni tifosi viola e chiamato “scimmia di m…”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ursula Corbero, Tokyo di La Casa di Carta attaccata in metro

Donnarumma e Koulibaly messi sullo stesso piano, un paragone che molti non hanno gradito e hanno criticato aspramente commentando il post di Mentana sottolineando che le offese per il difensore hanno origine per ciò che è, per il portiere per ciò che ha fatto.