Corruzione nei concorsi, ombre sulle Forze Armate: 14 arresti

Corruzione nei concorsi, mazzette per migliaia di euro: dopo i casi di luglio l’inchiesta di allarga e scopre nuovi casi

Avrebbero promesso e agevolato il superamento delle prove psico-attidudinali per entrare nel corpo dei carabinieri, dell’esercito, dell’aeronautica Militare) e della Polizia Penitenziaria in cambio di mazzette. Sono 14 gli indagati e altrettante le misure cautelari richieste dalla Procura della Repubblica di Napoli.

Screen Polizia Penitenziaria

Tra le persone coinvolte Aniello Aversano, assistente capo della Polizia penitenziaria presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere, Gennaro Fatone, vigile urbano del Comune di Caivano, nel Napoletano, e Giorgio Spina, caporal maggiore dell’Esercito che presta servizio nella caserma di Maddaloni, in provincia di Caserta. Per loro sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Secondo le ricostruzioni degli investigatori, avrebbe avuto un ruolo di intermediazione nei rapporti corruttivi. Già a luglio scorso erano stati colti in flagranza di due agenti della Polizia penitenziaria,
Errico Spena e Maurizio Russo, sorpresi mentre ricevevano una mazzetta di 8mila euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Paola Carrozza e Marialuisa Sibilio morte a 20 anni in un incidente

Corruzione nei concorsi, l’inchiesta

Nella nota della Procura si legge che è stata organizzata “una estesa ramificazione dei contatti corruttivi e delle complicità rilevanti per l’illecita condizionamento delle procedure concorsuali“.

Procura della Repubblica di Napoli (foto Facebook)

Un’indagine quella di Napoli che getta ancora più ombre su alcuni membri delle forze dell’ordine con accuse che al momento restano tali e devono ancora essere provate.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Pillola anti covid: Pfizer ha rinunciato alla licenza esclusiva

Con questi episodio il carcere di Santa Maria Capua Vetere torna nelle pagine delle cronache giudiziarie. Proprio due giorni fa la Procura casertana aveva chiesto il rinvio a giudizio per 108 persone per i casi di violenze avvenute nella casa circondariale durante la prima ondata di pandemia.