Violenta lite in famiglia a Latina: cerca di uccidere i genitori con una motosega

Tragedia sfiorata in provincia di Latina. Dopo aver aggredito e picchiato con violenza i genitori, un ventottenne ha cercato di ammazzarli con una motosega. L’assurda e tristissima aggressione è avvenuta sotto gli occhi esterrefatti dei carabinieri.

L’episodio di violenza domestica si è consumato a Sonnino, piccolo centro in provincia di Latina, nella notte del 27 novembre. Il protagonista è un giovane di ventotto anni. L’individuo è stato prontamente bloccato e arrestato dai militari della stazione di Prossedi e del Norm aliquota radiomobile di Terracina. I reati contestati sono quelli di tentato omicidio, maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Violenza su una bambina, 30enne picchiato dai familiari della vittima

Secondo quanto quanto ricostruito in una prima nota dai carabinieri, il ragazzo, dopo essere rincasato a tarda sera, avrebbe minacciato e malmenato i genitori.

La dinamica della violenza

Tentato omicidio con motosega in provincia di Latina

Il giovane si sarebbe trovato in preda a un forte stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di sostanze alcoliche. Una volta a casa, al culmine di una furente lite sorta per futili motivi con i propri genitori, il soggetto avrebbe alzato le mani. Prima contro il padre e poi contro la madre.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Ragazza morta a 12 anni dopo l’aggressione nel centro di Liverpool

Dopo averli colpiti a mani nude, il figlio ha afferrato e tentato di attivare una motosega. Sul posto sono però intervenuti per tempo i militari, evitando ai poveri genitori un’orribile morte. In effetti, non ci sono parole adatte per descrivere la situazione. E di sicuro i militari avranno avuto difficoltà a stendere un verbale.

Aggressione con una motosega

Carabinieri in azione (Getty)

L’arrestato, una volta concluse le formalità di rito, è stato portato nelle camere di sicurezza. Qui è in attesa del rito direttissimo. Il suo arresto è infatti avvenuto in flagranza di reato.

La motosega è stata ovviamente requisita dagli inquirenti. Intanto nel paesino della provincia di Latina vicini e amici di famiglia si dichiarano sconvolti. I due genitori, a quanto pare, non avranno bisogno di cure specifiche: stanno bene.