Gianni Morandi: “Pochi secondi e sarei morto…”, il grave incidente

Gianni Morandi, ha parlato del suo incidente alle mani dichiarando di aver pianto come un bambino per via dello spavento credendo di essere morto.

Il celebre cantante è stato ospite di Maurizio Costanzo nel programma l’Intervista in onda su Canale 5, il cantante ha parlato di uno dei momenti più difficili della sua vita, ovvero la morte della figlia Serena.

Gianni Morandi, il cantante ha parlato del tragico incidente avvenuto in campagna (Getty Images)
Gianni Morandi, il cantante ha parlato del tragico incidente avvenuto in campagna

La piccola è morta 8 ore dopo esser nata, il cantante ha dichiarato che Laura avrebbe dovuto partorire a Febbraio ma con l’anticipo fu ricoverata d’urgenza in ospedale, la piccola ha vissuto solo per 8 ore in ospedale dopo esser nata.

Questo è stato un profondo dolore sia per il cantante ma soprattutto per sua moglie Laura, subito dopo il cantante ha avuto altri 3 figli e sono Marianna, Marco e Pietro.

Il cantante ha dichiarato che Marianna gli piace tantissimo fisicamente, proprio perché assomiglia a lui, mentre Marco è un ottimo padre e sa suonare il pianoforte, il violino, fa l’attore e al tempo stesso il cantante.

Pietro invece è molto più legato a sua madre, inoltre è diventato un rapper all’insaputa di suo padre, mentre parlando del suo rapporto con Anna Dan la seconda moglie del cantante, è rimasto colpito dal suo atteggiamento.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Gianni Morandi, “un grandissimo dolore”: il lutto per la figlia Serena

Gianni Morandi, ha parlato del suo incidente alle mani, credeva di esser morto

Il cantante è rimasto colpito dallo sguardo della donna, la quale dopo diversi anni ha ancora la gioia di vivere, l’allegria e la gentilezza che l’hanno sempre contraddistinta nel tempo.

Il presentatore ha parlato anche del suo incidente avvenuto a Marzo, dove venne trasportato d’urgenza nell’Ospedale Bufalini di Cesena a seguito delle gravi ustioni alle mani, dopo esser caduto nel fuoco.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Gianni Morandi torna in concerto per una persona speciale

Il cantante ha dichiarato di abitare in campagna, da oltre 15-20 anni si occupa della potatura, della pulizia e delle sterpaglie, ha creato una buca alta un metro dove inserisce tutte le sterpaglie e ogni tanto le brucia.

Il giorno dell’incidente aveva in mano un forcone e spingendo un pezzo di legno rimasto fuori dal braciere è caduto all’interno della buca.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Gianni Morandi, brindisi in spiaggia: il dettaglio non sfugge a nessuno

Il dramma del cantante dopo essersi salvato dalla buca rovente

Il cantante cercò di attaccarsi ad un tizzone e facendo forza su di sé è riuscito a venirne fuori, dopo ha pianto come un bambino, le mani, le ginocchia, i glutei e il braccio erano roventi e gli bruciavano.

Il cantante ha visto letteralmente la morte in faccia, ha dichiarato che bastavano altri 10 secondi in più e forse sarebbe morto in quella buca, è stato fortunato perché si è salvato la faccia e la pelle, il presentatore è rimasto ricoverato in ospedale per ben 28 giorni.