Campo Hobbit: dopo quarant’anni, il ritorno

 ›  ›  › Campo Hobbit: dopo quarant’anni, il ritorno

Attualità,Copertina

Campo Hobbit: dopo quarant’anni, il ritorno

prog-mus-camp-hobbit

Da venerdì 23 giugno fino a domenica 25 giugno 2017, in occasione del quarantennale dello primo Campo Hobbit organizzato nel 1977, si svolgerà presso il campo sportivo comunale di Montesarchio (BN) Campo Hobbit 40, tre giornate di dibattiti, musica e socializzazione.

La prima giornata, venerdì 23 giugno, si aprirà alle ore 15:30 con “Campo Hobbit e la nascita delle Radio Alternative”. Interverranno: Alessandro AlbertiMarcello TaglialatelaDavide ScarinziWalter Jeder.
Alle ore 17:00 seguirà Campo Hobbit 40 anni dopo, una analisi critica fatta dai protagonisti dei tre Campi Hobbit. Interverranno: Adolfo MorgantiFerdinando ParisellaFrancesco MancinelliFabio TorrieroGianni AlemannoBiagio CacciolaClaudio TedeschiMichele de FeudisPasquale ViespoliAdriano Tilgher. Modereranno: Ugo Tassinari e Giuseppe Parente.
La prima giornata si concluderà alle 20:30 con “La Storia della Musica Alternativa” presentata da Claudio Volante con Walter Jeder e musica di Francesco Mancinelli. Si esibiranno: Antica Tradizione, Decima Balder, Junio Guariento e Jack Marchal (omaggio a Generoso Simeone).

Sabato 24 giugno, la seconda giornata si aprirà alle ore 1:00 con l’Inaugurazione Solstiziale a cura del M.T.R. (Movimento Tradizionale Romano).
La giornata seguirà alle ore 11:00 con “Strade d’Europa”, tavola rotonda coordinata dalla casa editrice Settimo Sigillo. Interverranno: Enzo Cipriano (editore), Alfonso Piscitelli (giornalista e scrittore), Mario Michele Merlino (professore e scrittore), Rodolfo Sideri (professore di storia e filosofia).
Alle ore 16:00, invece, si svolgerà “Immigrazione e Identità”, tavola rotonda coordinata dalla casa editrice AR. Interverranno: Massimo Pacilio (professore di storia e filosofia), Fabrizio Fiorini (direttore “L’Uomo Libero”), Nicola CospitoDaniele Martignetti (giornalista “Ordine Futuro”), Rivista di studi politici e geopolitici.
Alle ore 18:00 avrà luogo la tavola rotonda “La Tradizione come Risposta al Mondialismo”, coordinata dall’associazione-casa editrice Controcorrente. Interverranno: Mauro Finocchito (giornalista ed editore), Emiddio Novi (giornalista e scrittore), Antonio Pimpini (avvocato, economista, associazione “Auriti”), Paolo Borgognone (scrittore).
La seconda giornata si concluderà poi alle ore 20:30 con Claudio Volante e Walter Jeder che presenteranno Fabio Costantinescu e Silvia Preda, DDT, Topi Neri, La Vecchia Sezione (omaggio a Rutilio Sermonti e Pietro Golia).

Domenica 25 giugno, ultima giornata dell’evento, si aprirà alle 11:00 con “Che Fare?” tavola rotonda tra i rappresentanti delle associazioni coinvolte per iniziare un percorso comune. Interverranno: Marina Simeone (associazione “Generoso Simeone”), Isabella Rauti (Centro Studi “Pino Rauti”), Luigi Brachini (associazione “Controcorrente”), Valerio Criscuoli (Comunità Militante Caudina), Fabio de Maio (La Terra dei Padri), Michele De Feudis (Barbadillo.it), Bruno Esposito (La città di Camelot), la Rivista “Ordine Futuro”, la Comunità Militante Raido.

Per iscriversi all’evento, potete consultare il sito ufficiale www.campohobbit40.it o la pagina facebook.com/campohobbit40.


© Riproduzione riservata

Campo Hobbit: dopo quarant’anni, il ritorno Reviewed by on 17 giugno 2017 .

Da venerdì 23 giugno fino a domenica 25 giugno 2017, in occasione del quarantennale dello primo Campo Hobbit organizzato nel 1977, si svolgerà presso il campo sportivo comunale di Montesarchio (BN) Campo Hobbit 40, tre giornate di dibattiti, musica e socializzazione. La prima giornata, venerdì 23 giugno, si aprirà alle ore 15:30 con “Campo Hobbit e la nascita delle Radio Alternative”. Interverranno: Alessandro Alberti, Marcello Taglialatela, Davide Scarinzi, Walter Jeder. Alle ore 17:00 seguirà Campo

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.