Convegno a Melfi “Sicurezza alimentare. Parliamo di grano duro”

 ›  ›  ›  › Convegno a Melfi “Sicurezza alimentare. Parliamo di grano duro”

Attualità,Cultura & Eventi,Gusto & Viaggi

Convegno a Melfi “Sicurezza alimentare. Parliamo di grano duro”

Sicurezza alimentare parliamo di grano duro

Sabato 4 febbraio 2017, alle ore 9:30, presso l’Aula del Consiglio comunale di Melfi, si svolgerà l’evento dal titolo “Sicurezza alimentare. Parliamo di Grano Duro”. Dopo i saluti di Luigi Manieri (presidente del Lions Club Vulture), Livio Valvano (sindaco di Melfi), Luigi Branchini (presidente dell’associazione Mediterranea 2000), Alba Capobianco (ginecologa e responsabile del “GLT” Distretto Lions 108YA), interverranno: Giuseppe Montanarella (responsabile del Comitato agricoltura Lions Club Vulture), Andrea Di Benedetto (agronomo micologo), Saverio De Bonis (presidente GranoSalus), Pietro Golia (giornalista ed editore di Controcorrente), Edoardo Vitale (magistrato e direttore deL’Alfiere), Luigi Bradascio (medico e presidente della Commissione Sanità Regione Basilicata),Francesco Mollica (presidente del Consiglio Regione Basilicata), Francesco Capobianco (primo vice-governatore del Distretto Lions 108YA). A moderare l’evento melfitano, il giornalista e scrittore Nicola Piccenna.


© Riproduzione riservata

Convegno a Melfi “Sicurezza alimentare. Parliamo di grano duro” Reviewed by on 1 febbraio 2017 .

Sabato 4 febbraio 2017, alle ore 9:30, presso l’Aula del Consiglio comunale di Melfi, si svolgerà l’evento dal titolo “Sicurezza alimentare. Parliamo di Grano Duro”. Dopo i saluti di Luigi Manieri (presidente del Lions Club Vulture), Livio Valvano (sindaco di Melfi), Luigi Branchini (presidente dell’associazione Mediterranea 2000), Alba Capobianco (ginecologa e responsabile del “GLT” Distretto Lions 108YA), interverranno: Giuseppe Montanarella (responsabile del Comitato agricoltura Lions Club Vulture), Andrea

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.