20 novembre- Il governatore Kiwanis, Maniscalco : “Il nostro motto anche per questa giornata sarà: Noi a difesa dei Bambini”

 ›  ›  ›  › 20 novembre- Il governatore Kiwanis, Maniscalco : “Il nostro motto anche per questa giornata sarà: Noi a difesa dei Bambini”

Cityjournalist,Cultura & Eventi,Editoriali

20 novembre- Il governatore Kiwanis, Maniscalco : “Il nostro motto anche per questa giornata sarà: Noi a difesa dei Bambini”

logo-def

Il 20 novembre si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La data ricorda il giorno in cui l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò, nel 1989, la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che è stata ratificata da 194 Paesi nel mondo, Italia inclusa, la cui adesione è avvenuta nel 1991. Il consenso sull’importanza dei diritti dei più piccoli è ormai generale, anche se sono molti in bambini e gli adolescenti che vivono in situazioni di disagio, malessere e violenza. Ed è proprio in favore dei meno fortunati che si muove da anni il Kiwanis, associazione fondata nel 1915, con sede principale a Indianapolis (Indiana) negli Stati Uniti che comprende circa 16.000 club in 96 nazioni con più di 350.000 membri adulti e che è presente anche in Italia, a San Marino e Malta, con un distretto governato dal prof. Antonio Maniscalco e ben 135 club. L’associazione si prodiga tutto l’anno a favore dei bambini, promuovendo iniziative e prefiggendosi, ogni anno, dei nuovi obiettivi. Quelli posti per il 2015-2016 dal governatore Maniscalco sono importanti quanto ambiziosi e rispecchiano la grinta di un veterano che ha da subito dimostrato come opera e cosa realmente è questa grande organizzazione umanitaria.

Governatore Maniscalco, di cosa si occupa il Kiwanis?

«Il Kiwanis è un’organizzazione mondiale di volontari, impegnati a cambiare il mondo, un bambino ed una comunità alla volta. La nostra mission è quella di servire i bambini del mondo, come recita il motto: “Serving the Children of the world”, motto internazionale al quale si aggiunge quello da me coniato per l’anno che mi vede Governatore del Distretto Italia-S.Marino “Noi a difesa dei bambini”. Dedicare, in modo gratuito, parte del nostro tempo e delle nostre energie al servizio dei bambini, sapendo che un piccolo gesto può cambiare la loro vita, credo sia ciò che ci rende persone in grado di cambiare il mondo! Il Kiwanis è presente in 96 Paesi ed Aree geografiche con oltre 16.000 club. Assieme ai giovani dei K-Kids, Builders Club, Key Club e CKI, il Kiwanis conta su oltre 600.000 soci. Tengo a ricordare che la grande famiglia kiwaniana dona ogni anno più di 18 milioni di ore di volontariato e investe più di 107 milioni di dollari nelle comunità sparse in tutto il mondo».

Quali sono i services che avete proposto e come pensate di portare avanti le varie iniziative?

«Da anni scendiamo nelle piazze, andiamo nelle scuole, cerchiamo di incontrare chi ci governa e fa le leggi, con l’obiettivo di informare, accendere i riflettori su problemi troppo spesso sottovalutati o ignorati, come può esser l’obesità infantile, l’asma o l’epilessia nei bambini. Il nostro Distretto Italia San Marino ha deciso per questo di perseguire obiettivi tanto ambiziosi quanto importanti per la società e soprattutto per le generazioni future. Penso ad esempio al Service sulle Biobanche pediatriche a cui, per la prima volta, un’associazione come il Kiwanis, ha rivolto la propria attenzione.
Siamo inoltre impegnati con il Services dedicato all’epilessia infantile, una malattia neurologica, spesso confusa con una malattia mentale. Ricordo ancora, l’impegno del nostro Distretto nella lotta all’obesità infantile, che ormai può definirsi un problema globale. Abbiamo deciso di rinnovare l’impegno con il Services Eliminate, portato avanti insieme all’Unicef e con il quale cerchiamo di dare il nostro contributo al fine di debellare tetano neonatale infantile, quello culturale e di promozione della lettura (Read around the world), le azioni di sensibilizzazione contro il Cyber-bullismo o il nostro Osservatorio sui diritti dell’infanzia. Un elenco
utile a far capire chi sono e cosa realmente fanno i kiwaniani in Italia e nel mondo».

Cosa avete in programma per celebrare una ricorrenza così importante, quale la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza?

«La nostra attività prevede azioni territoriali. In occasione della giornata dedicata all’obesità infantile, ad esempio, ci siamo ritrovati a Roma, mentre per festeggiare questo importante evento saremo tutti a Pescara, per un dibattito sul tema “Nessuno Tocchi i Bambini”. L’obiettivo, concordato con la Chair distrettuale della “Giornata”, Carla Panzino del K-Club Pescara Aternum, è quello di accendere i riflettori, in particolare, sul tema dei maltrattamenti ai bambini. Un evento che prevede la partecipazione in video del Presidente dell’Autorità Garante Nazionale dell’Infanzia, Vincenzo Spadafora, di esperti nel campo dei bisogni e della tutela dei minori ed un collegamento con gli studenti di Lettonia, Slovacchia e Croazia. E’ per noi importante invitare a riflettere e sensibilizzare l’opinione pubblica.
Non possiamo accettare passivamente che bambini e adolescenti, anche in un paese moderno e sviluppato come il nostro, vivano in condizioni di grave trascuratezza o, ancor peggio, siano vittime di violenze, abusi e discriminazioni»

kiwanis-20nov

Per saperne di più

www.kiwanis.it


© Riproduzione riservata

20 novembre- Il governatore Kiwanis, Maniscalco : “Il nostro motto anche per questa giornata sarà: Noi a difesa dei Bambini” Reviewed by on 20 novembre 2015 .

Il 20 novembre si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La data ricorda il giorno in cui l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò, nel 1989, la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che è stata ratificata da 194 Paesi nel mondo, Italia inclusa, la cui adesione è

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.