L’Aeronautica militare porta a Roma 13 libici feriti nell’attentato del 5 maggio vicino Misurata

 ›  ›  ›  › L’Aeronautica militare porta a Roma 13 libici feriti nell’attentato del 5 maggio vicino Misurata

Attualità,EuroVision,Primo Piano

L’Aeronautica militare porta a Roma 13 libici feriti nell’attentato del 5 maggio vicino Misurata

feriti libici portati a Roma dall'aeronautica militare

Un C-130J dell’’Aeronautica Militare ha trasportato a Roma nella giornata odierna 13 libici, rimasti feriti nell’attentato dello scorso 5 maggio vicino a Misurata. I feriti una volta giunti in Italia verranno ricoverati presso il Policlinico Militare del Celio ed altre strutture civili.
Il velivolo, partito questa mattina dall’aeroporto militare di Pratica di Mare, ha raggiunto l’aeroporto di Misurata con a bordo personale medico, infermieri e adeguato equipaggiamento sanitario per assistere il personale libico ferito. Una volta effettuato l’accertamento delle condizioni dei feriti è ripartito alla volta dell’aeroporto di Roma Ciampino dove è atterrato alle ore 1930.
L’attività è stata svolta in collaborazione con il ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale e quello della Salute per il tramite del Comando Operativo di vertice Interforze di Centocelle, nell’ambito delle iniziative poste in essere per assistere la Libia e il popolo libico nelle emergenze e nella ricostruzione della stabilità e dello sviluppo del Paese.


© Riproduzione riservata

L’Aeronautica militare porta a Roma 13 libici feriti nell’attentato del 5 maggio vicino Misurata Reviewed by on 13 maggio 2016 .

un volo dell’Aeronautica ha portato in Italia 13 feriti libici, sopravvissuti all’attentato dello scorso 5 maggio a Misurata



Profilo Google +:
http://www.ck12.it

Posta elettronica:
redazione@ck12.it

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.