Sulle vaccinazioni il Ministro Lorenzin chiarisce: «Nessuna correlazione con autismo»

 ›  ›  ›  › Sulle vaccinazioni il Ministro Lorenzin chiarisce: «Nessuna correlazione con autismo»

Politica,Primo Piano,Salute & Benessere

Sulle vaccinazioni il Ministro Lorenzin chiarisce: «Nessuna correlazione con autismo»

lorenzin-ministro-salute

“Non esiste alcuna correlazione tra vaccino e autismo. Non lo dice Beatrice Lorenzin ma gli studi scientifici realizzati dai migliori ricercatori. I vaccini salvano la vita e se per decenni non abbiamo più sentito di malattie mortali per i bambini è stato per le grandi campagne di vaccinazione realizzate nei paesi occidentali. Oggi prevale la disinformazione web in danno di quella della Scienza ufficiale. I casi di effetti collaterali ai vaccini riguardano meno di un bambino ogni milione di bambini vaccinati e nella stragrande maggioranza si tratta di conseguenze banali, arrossamenti, piccoli fastidi. I vaccini possono avere conseguenze solo in caso di patologie concorrenti gravi che il pediatra è in grado di determinare. I genitori devono sempre scegliere per il bene dei figli e per scegliere bene devono fidarsi della scienza e del proprio medico”. Lo ha dichiarato il ministro Beatrice Lorenzin a margine dell’intervista a Radio 24 con Giovanni Minoli.


© Riproduzione riservata

Sulle vaccinazioni il Ministro Lorenzin chiarisce: «Nessuna correlazione con autismo» Reviewed by on 19 ottobre 2015 .

“Non esiste alcuna correlazione tra vaccino e autismo. Non lo dice Beatrice Lorenzin ma gli studi scientifici realizzati dai migliori ricercatori. I vaccini salvano la vita e se per decenni non abbiamo più sentito di malattie mortali per i bambini è stato per le grandi campagne di vaccinazione realizzate nei paesi occidentali. Oggi prevale la disinformazione web



Profilo Google +:
http://www.ck12.it

Posta elettronica:
redazione@ck12.it

Il Progetto

Testata regolarmente registrata presso il tribunale di Vibo Valentia (VV), Ck12 è un progetto la cui forza risiede solo nella passione e nella professionalità delle persone coinvolte. La testata si prefigge di informare ma allo stesso tempo di comunicare e promuovere, accendendo i riflettori e dando voce a tutti, soprattutto a chi spesso non ha la forza di arrivare ad un ampio pubblico.